portale internet  di informazione e promozione delle aziende olivicole italiane

 
 

 

 
Homepage
Le aziende olivicole
I consorzi di tutela
Concorsi
Eventi e Manifestazioni
News
Le Cultivar
Dop
Bio
Oli extravergini  dop bio
Disciplinari
Normative e Regolamenti
La Certificazione HS
high standard
Classificazione degli oli di Oliva
Sagre dell'olio
Ricette Tipiche
News dalle aziende
Vocabolario specifico per l'olio d'oliva
Vocabolario generale Analisi sensoria
Legislazione comunitaria
in materia di etichettatura degli oli di oliva

VOCABOLARIO GENERALE ANALISI SENSORIA

 PREMESSA
La presente norma si propone di riunire i concetti generali utilizzati per l'analisi sensoria dell'olio d'oliva e di darne la definizione.

 Terminologia generale
 

Analisi sensoria (sostantivo): Esame dei caratteri organolettici di un prodotto mediante i sensi.
Percezione (sostantivo): Presa di coscienza sensoria di oggetti o avvenimenti esterni.
Organolettico (aggettivo) (carattere o proprietà): Qualifica ogni proprietà di un prodotto suscettibile di essere percepita dagli organi dei sensi.
Esperto (sostantivo): (Per ciò che concerne l'esame dei caratteri organolettici) Assaggiatore specializzato nell'analisi sensoria di un determinato prodotto e che possiede cognizioni fondamentali sulla sua elaborazione e sulle preferenze del mercato.
Assaggiatore (sostantivo): Persona perspicace, sensibile, scelta e allenata, che stima con gli organi dei suoi sensi i caratteri organolettici di un alimento.
Gruppo di assaggiatori: Insieme di assaggiatori che si riuniscono per eseguire, in condizioni controllate, l'analisi sensoria del prodotto.
Sensazione (sostantivo): fenomeno soggettivo risultante dallo stimolo di un sistema sensorio. Questo fenomeno è soggettivamente discriminabile e oggettivamente definibile attraverso l'organo sensorio interessato, secondo la natura o la qualità dello stimolo, nonché la sua intensità.
Sensibilità (sostantivo): capacità degli organi sensori di percepire qualitativamente e quantitativamente uno stimolo di poca intensità o piccole differenze tra stimoli.
Assaggio (sostantivo): operazione consistente in percepire, analizzare e giudicare i caratteri organolettici e più particolarmente gli olfatto-gustativi, tattili e chinestetici di un prodotto alimentare.
Accettazione (sostantivo): atto consistente in accogliere favorevolmente un prodotto da parte di un individuo o una popolazione.
Armonia (sostantivo): qualità di un prodotto che dà origine a una sensazione d'insieme gradevole. Detta sensazione è dovuta alla percezione dei suoi componenti, che agiscono come stimoli olfatto-gustativi, tattili e chinestetici per trovarsi in rapporti di concentrazione adeguati.
Accettabilità (sostantivo): stato di un prodotto accolto favorevolmente da un individuo o da una popolazione, in funzione delle sue proprietà organolettiche.
Discriminazione (sostantivo): differenziazione qualitativa e/o quantitativa tra due o parecchi stimoli.
Compensazione (sostantivo): risultato dell'interazione dovuta a un complesso di stimoli in modo che ciascuno si percepisca con minore intensità che se agisse da solo.
Aspetto (sostantivo): complesso di caratteri organolettici percepiti dall'organo della vista: dimensioni, forma, colore, conformazione, torbidità, pulizia, fluidità, spuma e effervescenza. Questo termine è preferibile a quello di apparenza. Attributo (sostantivo): proprietà caratteristica percettibile.


Terminologia relativa alla fisiologia
 

Stimolo (sostantivo): agente fisico o chimico che produce specificamente la risposta dei ricettori sensori esterni o interni.
Gusto (sostantivo): uno dei sensi i cui ricettori sono localizzati nella bocca, particolarmente sulla lingua, e che sono attivati da differenti composti in soluzione.
Gustativo (aggettivo): qualifica la proprietà di un prodotto capace di stimolare l'apparato gustativo destando le sensazioni corrispondenti a uno o più dei quattro sapori elementari: dolce, salato, acido e amaro.
Ricettore (sostantivo): struttura specializzata di un organo sensorio eccitabile, capace di ricevere uno stimolo e convertirlo in flusso nervoso.
Nota: i ricettori si classificano secondo il tipo di energia associata allo stimolo (luce, calore, suono, ecc.).
Odorazione (sostantivo): funzione dell'organo olfattivo tendente a percepire e distinguere le molecole che vi accedono, in fase gassosa da un mezzo esterno, per via nasale diretta o indiretta.
Intensità (sostantivo): grado di energia di una qualità misurabile secondo una scala quantitativa di valori superiori alla soglia.
Adattamento (sostantivo): modificazione temporale della sensibilità a percepire stimoli sensori come risultato di una continua e ripetuta esposizione a questo o similare stimolo.
Inibizione (sostantivo): mancanza di risposta da parte di un organo sensorio o di una sua parte, nonostante sia sottoposto all'azione di uno stimolo adeguato di intensità superiore alla soglia.
Risposta (sostantivo): azione con la quale le cellule sensorie rispondono a quella di uno o vari stimoli relativi a una modalità sensoria definita.
Corpo (sostantivo): sensazione tattile percepita nella bocca e che dà un grado di densità, viscosità, consistenza o compattezza a un prodotto.
Fragranza (sostantivo): odore fresco, soave e delizioso.
Odorare (verbo):senso attivo applicato all'odorato.
Designa l'azione di percepire un odore.
Oggettivo (aggettivo):a) qualifica ciò che dà una rappresentazione reale e comprovabile dell'oggetto, riducendo al minimo i fattori umani (per es.: preferenza, abitudine, affettività);
b) qualifica quella tecnica che, impiegando o metodi sensori o metodi strumentali, permette di ridurre al minimo gli errori peculiari.
Nota: Si consiglia di non impiegare come sinonimo il termine "strumentale".
Soggettivo (aggettivo): Qualifica ciò che dà una percezione condizionata dal nostro modo di pensare o sentire e non soltanto dallo stimolo.
Chinestesia: complesso di sensazioni risultanti dall'applicazione di una pressione applicata al campione da un movimento nella cavità orale o nelle dita (per es.: pressione delle dita nel caso di un formaggio).
Soglia (sostantivo): Soglia assoluta:
quantità minima di uno stimolo sensorio, che origina:
- l'apparizione di una sensazione (soglia di apparizione o di rivelazione);
- o il riconoscimento di detta sensazione (soglia di identificazione).
Soglia differenziale:quantità minima di stimolo sensorio che genera una differenza percettibile nell'intensità della sensazione.
Soglia finale:quantità massima di uno stimolo a decorrere dalla quale un aumento di intensità non si percepisce.
Soglia preferenziale: valore quantitativo minimo di uno stimolo o valore critico soprallimitare di questo stimolo al quale corrisponde l'apparizione di una risposta di attrazione o ripulsa rispetto a uno stimolo neutro, per esempio, nella scelta tra una soluzione zuccherina e l'acqua.
Nota: Devesi distinguere tra soglia assoluta di preferenza e soglia differenziale di preferenza.
Sublimitare (aggettivo): di sotto della soglia appropriata.
Soprallimitare (aggettivo): di sopra della soglia appropriata.
Fatica sensoria: caso di adattamento sensoriale che produce una diminuzione della sensibilità.
Compensazione (sostantivo): risultato dell'interazione dovuta a un complesso di stimoli in modo che ciascuno si percepisca con minore intensità che se agisse da solo.
Sinergico (aggettivo): effetto o azione concertata di determinate sostanze, in modo che l'intensità dei caratteri organolettici risultanti dalla mescolanza è superiore alla somma delle intensità che ciascuno di essi mostrava separatamente.
Effetto di contrasto: aumento della risposta alle differenze tra due stimoli simultanei o consecutivi. Contrario dell'effetto di convergenza.
Effetto di convergenza: diminuzione della risposta alle differenze tra due stimoli simultanei o consecutivi. Contrario dell'effetto di contrasto.

Terminologia relativa alle proprietà organolettiche

Acido (aggettivo):
a) qualifica il sapore elementare prodotto da soluzioni acquose diluite della maggioranza degli acidi (per es.: acidi citrico, lattico e tartarico);
b) qualifica la proprietà dei corpi puri o delle mescolanze che, all'assaggio, producono questo sapore.
Il sostantivo corrispondente è acidità.
Agro (aggettivo):
qualifica la sensazione olfatto-gustativa con predominio di acidi generalmente di origine fermentativa e gli alimenti che producono questa sensazione. Alcuni fattori che contribuiscono a detta sensazione sono in rapporto con il processo di fermentazione (per esempio acetica o lattica) di un prodotto alimentare.
Amaro (aggettivo):
a) qualifica il sapore elementare prodotto da soluzioni acquose diluite di diverse sostanze come la chinina, la caffeina e determinati eterossidi;
b) qualifica la proprietà di quei corpi puri o loro mescolanze che, all'assaggio, producono questo sapore.
Il sostantivo corrispondente è amarezza o amaro.
Salato (aggettivo):
a) sensazione caratteristica che si percepisce attraverso il senso del gusto, e il cui esempio più tipico è quello prodotto da una soluzione di cloruro sodico;
b) qualifica la proprietà dei corpi o delle mescolanze che producono questo sapore durante l'assaggio.
Il sostantivo corrispondente è salinità.
Dolce (aggettivo):
a) qualifica il sapore elementare prodotto da soluzioni acquose di diverse sostanze, per esempio il saccarosio;
b) qualifica la proprietà delle sostanze pure o mescolanze che, all'assaggio, producono questo sapore.
Il sostantivo corrispondente è dolcezza.
Astringente:
a) qualifica la complessa sensazione prodotta nella bocca da una soluzione acquosa diluita di prodotti come certi tannini (per es.: i tannini del cachi e della prugna);
b) qualifica la proprietà dei corpi puri o delle mescolanze che producono questa sensazione.
Il sostantivo corrispondente è astringenza.
Flavor (sostantivo): complesso delle percezioni degli stimoli olfatto-gustativi, tattili e chinestetici che permette di identificare un alimento e stabilire un criterio, a distinti livelli, favorevole o sfavorevole.
Sapore (sostantivo):
a) sensazioni percepite come conseguenza dello stimolo delle papille gustative da alcune sostanze solubili;
b) qualità della peculiare sensazione prodotta da tali sostanze.
Sapore elementare (sostantivo): Ciascuno dei quattro sapori noti: dolce, salato, acido, amaro.
Odore (sostantivo):
a) complesso di sensazioni percepite dall'organo olfattivo quando si inspirano determinate sostanze volatili;
b) qualità della peculiare sensazione prodotta da ciascuna delle sostanze anteriori.
Aroma (sostantivo):
a) sensazioni gradevoli percepite dall'organo olfattivo per via indiretta all'assaggio di un alimento.
b) in profumeria e nel linguaggio non specializzato si applica anche alle stesse sensazioni percepite per via nasale diretta.
Retrogusto (sostantivo): Complesso di sensazioni percepite una volta scomparso lo stimolo dalla bocca, distinte da quelle previamente percepite.
Aromatico (aggettivo):
a) qualifica la proprietà dei corpi puri o delle mescolanze che, all'assaggio, producono le sensazioni qualificate come aroma;
b) qualifica quei prodotti che, esaminati per via nasale diretta, producono sensazioni di fragranza e di fresco.
Struttura (sostantivo): caratteristiche dello stato solido o reologico di un prodotto, il cui complesso è capace di stimolare i ricettori meccanici, durante l'assaggio, particolarmente di quelli situati nella cavità orale.
Nota: Questo termine si riferisce soltanto alle proprietà oggettive e non alle sensazioni prodotte e che si designano con termini generali, come consistenza, fibrosità, untuosità, ecc.
Assaporare: far che un alimento situato nella bocca entri in contatto con tutte le sue zone sensibili per percepire le sensazioni orali che produce.
 

 
 
 
 
 
   

contatti

 

Adesione al portale

 

aziende  affiliate


 
DORMIREINITALIA.COM - VINI-ITALIA.IT - ALBERGHI-ITALIA.IT TIPICODITALIA.IT  OLI-ITALIA - TURISMO.IT  - TURISMO1.IT - BIO.IT  - DOC.IT - DOCG.IT

partita iva 00732490891

© Art Advertising

NOTE LEGALI

Art Advertising  non è collegato alle aziende ed ai siti recensiti e non si assume responsabilità sulla veridicità dei dati inseriti